Ripristinare l’MBR di Windows senza il disco di installazione

Attenzione!
La seguente guida non si applica a sistemi basati su EFI/UEFI. Eseguire i seguenti passaggi su tali sistemi può provocare l’impossibilità di avviare il sistema.

A molti sarà capitato di trovarsi nella spiacevole situazione di dover ripristinare l’MBR del proprio disco rigido.
L’MBR (Master Boot Record) è il settore d’avvio dell’hard disk; ne occupa i primi 512 byte e contiene i comandi necessari per avviare il sistema operativo.
Questo settore può venire danneggiato a causa di malfunzionamenti, errori, virus o altro; in tutti questi casi, non sarà più possibile avviare il proprio sistema operativo, Windows o Linux che sia e si dovrà procedere a ripristinarlo: oggi vedremo come possiamo procedere.

Normalmente per ripristinare l’MBR occorre avviare il computer dal disco di installazione di Windows, accedere alla console di emergenza e digitare
   
        fixboot
 
 
seguito da
 
       fixmbr
e da
 
        exit


Purtroppo non sempre è possibile utilizzare il disco di Windows; oggigiorno molti produttori non forniscono il disco di installazione o di ripristino del sistema operativo preinstallato ed alcuni computer (penso in particolare ai netbook) non dispongono di un’unità ottica, rendendo di fatto impossibile l’avvio da CD/DVD.
Ebbene, come sostengo sempre, una distribuzione Live Gnu/Linux è il modo migliore per recuperare dati e ripristinare un sistema mal funzionante!
Una Live ha il notevole vantaggio di poter essere avviata sia da CD, sia da penna USB, risolvendo il problema dell’assenza di drive ottico; gli strumenti a disposizione per recuperare i dati sono moltissimi e se ne possono installare molti altri: uno di questi è ms-sys, un piccolo tool a riga di comando che svolge lo stesso compito del comando fixmbr del disco di Windows.
Una volta avviata la Live (ad esempio Ubuntu, ma vanno benissimo anche distribuzioni più essenziali come Damn Small Linux) aprite il terminale e scaricate il pacchetto di ms-sys con
     
 
wget http://prdownloads.sourceforge.net/ms-sys/ms-sys-2.4.1.tar.gz
     
Questo comando scaricherà l’archivio di ms-sys nella cartella Home.
Estraete l’archivio con
 
                tar -xzvf ms-sys*.tgz
 

Entrate nella cartella appena estratta con il comando
 
 
        cd ms-sys
 
e cominciate la compilazione con un bel
        make
 

Terminato il processo senza errori, dovete installare il pacchetto: per farlo vi serviranno i permessi di amministratore. In Ubuntu e in buona parte delle altre distribuzioni, basta mettere sudo prima del comando da eseguire; scriverete dunque
 
         sudo make install
 

A questo punto il pacchetto è installato e se state utilizzando una chiavetta usb esso rimarrà installato anche per il futuro (con il CD è chiaramente impossibile).
Ottenete la panoramica del vostro disco, per sapere il nome del device su cui dobbiamo indirizzare l’azione di ms-sys, utilizzando il comando
   
       sudo fdisk -l
 
L’output somiglierà a questo, a seconda dello stato del vostro disco

      Dispositivo Boot      Start         End      Blocks   Id  System
/dev/sda2            2048   397813759   198905856   83  Linux

/dev/sda4   *   397813760   488390655    45288448   83  Linux


Nel caso d’esempio (il mio disco) abbiamo 2 partizioni, di cui quella contrassegnata dall’asterisco costituisce quella di avvio; quello che dovete controllare è il nome del dispositivo che contiene la partizione avviabile (nel mio caso /dev/sda, nel vostro caso potrà essere /dev/sdb o /dev/sdc e così via) con il vostro sistema.
Una volta individuata, si può procedere al ripristino vero e proprio dell’MBR: da terminale date
        
        sudo ms-sys -w /dev/sdX
                                         
dove sdX va sostituito con il nome individuato precedentemente dal risultato di fdisk.
A questo punto non vi resta che riavviare il computer, rimuovere la penna USB o il CD Live e godervi l’avvio corretto del vostro sistema operativo!

AGGIORNAMENTO

La procedura di installazione descritta è inutile per chi decide di utilizzare una live di Chakra, in quanto il pacchetto ms-sys è presente nel CCR (Chakra Community Repository).
In questo caso sarà sufficiente installare il pacchetto ‘ccr’ con 

sudo pacman -S ccr

dopodiché si potrà installare ms-sys dando

ccr -S ms-sys

Se avete bisogno di supporto, sono sempre disponibili il Wiki ed il forum della comunità italiana di Chakra.

=-=-=-=-=
Powered by Blogilo

LICENZA

Questa guida è rilasciata sotto licenza di Documentazione Libera GNU (GNU FDL )

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...