La verità ti fa male, lo so (quindi la nascondo)

Oggi avrei voluto scrivere un post sulle licenze d’uso dei file multimediali acquistati su internet (argomento, a mio avviso, sempre più interessante), ma – ahivoi! – dovrete aspettare la prossima volta per leggerlo; oggi parlerò di una città, Perugia, la cui amministrazione non finisce mai di stupire. In negativo, purtroppo.

Passeggiando serenamente per il centro mi sono imbattuto in un palchetto, dal quale un emerito (almeno per me) signor Nessuno, affiancato da un sornione Sindaco, Wladimiro Boccali, pontificava riguardo un tema scottante per la città: la forte presenza di stranieri a Perugia.

Il signor Nessuno sosteneva, a ragione, che ci si debba mostrare accoglienti verso gli stranieri che arrivano in città per vivere onestamente, mentre bisogna essere severi verso coloro che giungono in città per delinquere (spacciare droga, rubare, ecc), e che l’attuale Amministrazione abbia sempre utilizzato il pugno di ferro contro i delinquenti e gli spacciatori. Ma quale pugno di ferro? Doppio pugno di velluto, semmai!
Ora le cose sono due: o il signor Nessuno mente sapendo di mentire, oppure non vive nella città che dovrebbe, assieme ad altri, amministrare. Tertium non datur.


Anche voi la pensereste come me, se uscendo di casa per portare fuori il cane trovaste in ogni anfratto spacciatori nelle loro faccende affaccendati, gente ubriaca che si azzuffa (per dirla con Battiato “…stupide galline che si azzuffano per niente.”) o espleta bisogni fisiologici vicino ai cassonetti o contro gli alberi (esattamente come il mio cane), il tutto dopo aver tappezzato la strada intorno a sé di bottiglie vuote, tappi e cicche, se veniste svegliati nel cuore della notte dalle urla selvagge delle ubriache frequentatrici dell'”Afro Pub” sotto casa vostra: se foste una ragazza, avreste anche il “piacere” di attrarre i clienti abituali delle prostitute della zona, i quali vi chiederebbero quanto vorreste; ed esattamente come me, vi sentireste presi in giro nel sentire i politicanti locali vantarsi di cose che non hanno fatto. E’ vero, questo è uso comune a tutti i livelli (i politicanti son sempre politicanti), ma quando riguarda le amministrazioni comunali e le istituzioni che dovrebbero essere più vicine al cittadino, la cosa fa innervosire ancor di più!

Invece di parlare a vanvera, prendendo palesemente in giro i cittadini – che si suppone ciechi non siano – fingendo non che il problema non esista, ma (peggio!) fingendo di averlo risolto (quando i dati nazionali indicano chiaramente che in Umbria il problema non fa che peggiorare, a differenza delle altre regioni), farebbero meglio a farsi qualche bella passeggiata nelle zone che ormai sono sotto il controllo dei delinquenti, magari senza scorta, ascoltando quello che gli abitanti hanno da dire: forse si renderebbero conto in prima persona della realtà dei fatti.
Dubito che questo avverrebbe, ma almeno sapremmo con certezza che la spiegazione corretta della delirante affermazione  del nostro signor Nessuno e di tutti i suoi colleghi, sarebbe la prima: mentono sapendo di mentire.

E, ancora più importante, sarebbe ricordarsi di questo al momento delle elezioni amministrative.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...