Usare Android senza app Google – Parte 2

Update: dopo l’aggiornamento della scorsa estate, OpenMailBox ha modificato il proprio servizio. Di conseguenza, le procedure indicate in questo post e nel precedente non sono più valide.

Nel primo post di questa serie abbiamo visto come configurare la sincronizzazione di contatti e calendario tra il nostro device Android ed il servizio OpenMailBox.

Oggi parleremo di e-mail e cloud, sempre utilizzando i servizi di OpenMailBox ed applicazioni Libere/Open Source.

Per quanto riguarda l’e-mail, utilizzeremo K-9 Mail, un client per Android rilasciato con licenza Apache2.
La CyanogenMod fornisce un client e-mail preinstallato, ma personalmente preferisco K-9 mail, che trovo più personalizzabile e ricco di funzioni.

Innanzitutto dobbiamo installare il client: per farlo apriamo il nostro fidato F-Droid, cerchiamo “k-9 mail” e lo installiamo.

Screenshot_2015-05-08-12-26-19

Fatto questo, apriamo il menu e selezioniamo l’applicazione: verremo accolti da una schermata di benvenuto e potremo scegliere se importare le impostazioni (funzione molto comoda se si è costretti a reinstallare l’applicazione) o se inserirle manualmente.

Continua a leggere

Annunci

Usare Android senza app Google – Parte 1

Update: dopo l’aggiornamento della scorsa estate, OpenMailBox ha modificato il proprio servizio. Di conseguenza, le procedure indicate in questo post e nel successivo non sono più valide.

Tutti sappiamo bene quanto i dispositivi Android siano legati a Google ed ai suoi servizi; sappiamo anche che le applicazioni di Google non sono Libere o Open Source; sappiamo bene, infine, che tutti nostri dati passano per i server Google, sotto gli occhi di chiunque abbia accesso ad essi (qualcuno ha detto NSA?).

Per nostra fortuna la community di sviluppatori ed appassionati, nata intorno all’universo Android, è vastissima e questo ha portato, grazie alla grande porzione di codice dell’OS distribuita con licenza libera dall’AOSP (Android Open Source Project), alla nascita di moltissime alternative libere (CyanogenMod, tanto per citare la più famosa) e non solo.

La maggior parte di queste ROM non presenta le applicazioni Google preinstallate, per motivi di licenza. Questo fa sì che, una volta installate, il dispositivo sia virtualmente (dico “virtualmente” perché non è possibile avere la certezza assoluta che sia così) libero dal controllo di Google.

A questo punto si pongono due problemi: dove reperire le applicazioni e come sostituire gli utilissimi servizi forniti da Google (calendario, email, rubrica contatti, ecc.).

Continua a leggere