Tag: software libero

Linux Day 2016 @ Perugia

volantino-ld2016-okwebvolantino-ld2016-okweb2LINUX DAY 2016

Sabato 22 ottobre dalle 10:00 alle 18:00 presso il palazzo della Società Operaia di Mutuo Soccorso di Magione

Sabato 22 ottobre torna l’annuale manifestazione italiana dedicata al software libero, alla libertà digitale e alla condivisione, con decine di eventi organizzati in tutte le regioni.
In Umbria l‘associazione GNU/Linux User Group Perugia organizza una giornata divulgativa nella sua sede di Magione., all’interno dello Storico Palazzo ristrutturato della Società Operaia Mutuo Soccorso, con l’obiettivo di far conoscere le opportunità del software libero e open source a cittadini, studenti, aziende.
La giornata vedrà affrontare diverse tematiche, a partire dal coding con strumenti open source fino alla domotica con Raspberry, passando per OSINT (Open Source Intelligence) e FreeIPA, una soluzione per l’identità e l’autenticazione integrata per ambienti di rete Linux/UNIX.
Al workshop parteciperanno anche alcuni studenti del
ITTS “A. Volta” di Perugia, che presenteranno al pubblico presente i loro progetti realizzati con Software Libero.

Durante tutta la giornata, nel laboratorio di informatica, sarà possibile utilizzare i computer presenti per provare le funzionalità e la semplicità d’uso dei sistemi operativi liberi; i volontari del GNU/LUG saranno inoltre a disposizione per dare suggerimenti e affiancare le persone che portano il proprio pc e intendono installarvi una distribuzione GNU/Linux o altri programmi liberi.

Anche quest’anno il Linux Day – afferma il presidente del GNU/LUG Perugia Claudio Cardinali – si conferma un appuntamento da non perdere per appassionati di Free Software e semplici curiosi: grazie alla varietà dei temi trattati, tutti potranno trovare risposte, suggerimenti e spunti di riflessione riguardo i propri settori d’interesse. Da anni – aggiunge – la nostra associazione è in prima linea per la diffusione della cultura del Software Libero, grazie ai volontari che dedicano il proprio tempo e le proprie competenze a questo scopo.”.
Ulteriori informazioni sul sito GNU/LUG Perugia: http://www.gnulugperugia.org/linux-day-2016

La giornata è ad accesso gratuito con possibilità di parcheggio gratuito. L’evento si può seguire sui social con hashtag #linuxday2016pg.

10 bugie su GNU/Linux

E’ incredibile, nell’era di internet e della libera circolazione delle idee, quanto si possa insistere nella propria ignoranza.
E ancora più incredibile è che si parli di cose che non si conoscono, spacciando le falsità per verità!

Mi riferisco ad un articolo apparso ieri su Tuttogratis.it, in cui si elencano 10 motivi per non scegliere GNU/Linux: un articolo pieno di falsità, di affermazioni riferite alla situazione di almeno 10 anni fa o uscite da chi vende sistemi operativi proprietari.

Bene, ho deciso di replicare qui, punto per punto, alle falsità scritte nel suddetto articolo
L’obiettivo non è di convincere chiunque ad utilizzare GNU/Linux, né di affermare che questo sia sempre la soluzione migliore, ma di fornire agli utenti dei parametri reali sui quali basare la propria scelta; tutti sono liberi di usare il sistema che preferiscono, ma è giusto che questa scelta sia consapevole e non imposta o dettata da false credenze.
Dopo questa precisazione (assolutamente necessaria), possiamo cominciare.

1- Linux è troppo complicato

“Il principale argomento che sostiene la gente è: non usate Linux perchè è troppo complicato. In molte delle varianti di Linux, non c’è un modo affidabile di configurare i permessi sui file, lo start e lo stop dei servizi e configurare le network card, tra gli altri, senza affidarsi a una linea di comando. E spesso queste funzioni non sono sufficientemente ben progettate per un utente novizio.”

Questa affermazione è autocontraddittoria: si dice che Linux è troppo complicato, mentre nella riga dopo parla di alcune “varianti di Linux”. E’ vero, esistono distribuzioni in cui le configurazioni vanno effettuate da terminale e non vi è un’interfaccia grafica che consenta di farlo semplicemente: ma sono distribuzioni indirizzate specificamente ad utenti avanzati o ad utilizzo server e non certo all’utente desktop “medio”.

Di distribuzioni adatte ai principianti è pieno il mondo: Ubuntu (comprese le sue derivate Kubuntu, Xubuntu, Lubuntu, Ubuntu Studio, Ubuntu Plus Remix, ecc…) e Linux Mint, giusto per citarne due tra le più diffuse. In queste distribuzioni il terminale è un accessorio che può servire solo in casi di emergenza (ad esempio, in caso di un malfunzionamento della grafica), mentre nell’utilizzo normale non è assoltamente necessario.

 

Continua a leggere “10 bugie su GNU/Linux”